Codipendenza

‘Codipendenza: Affrontare la Dipendenza, il Sadismo e l’Abuso’ è uno studio sostanzialmente diviso in tre parti, che trattano le diverse manifestazioni della codipendenza madre-figlio e la conseguente mancanza di autonomia e di fiducia in se stessi dell’adolescente maschio e del giovane adulto che, a causa del suo precoce groviglio emotivo con la madre, entra in una spirale di crescita negativa a causa di uno sviluppo sessuale piuttosto strano (sadismo) e di modelli di dipendenza in tutte le sfere della vita.

La dipendenza, il sadismo e l’abuso sono tutte trappole di potere, e impediscono al giovane adulto di sviluppare il suo pieno potere e carisma. Hanno tutte un’unica eziologia: il fatto di una relazione codipendente prolungata con la madre, mentre il padre era assente, irresponsabile o inaccettabile.

Per ragioni di diverso assetto psicosessuale dei due sessi, il problema si presenta più regolarmente con i ragazzi che sono codipendenti con le loro madri e che all’inizio dell’età adulta o anche durante l’adolescenza soffrono di stimoli sessuali più o meno violenti, di abuso di sostanze e dipendenza, nonché di cicatrici di abusi emotivi, spesso commessi da madri che chiedono ai loro figli maschi di aggrapparsi a loro il più a lungo possibile, ed evitano di avere rapporti sessuali con ragazze della loro età, per frequentare, o con donne più mature per relazioni e matrimoni seri. 

È poi regolarmente la madre che ostacola il ragazzo a sviluppare una vita propria, mentre quando il ragazzo era un neonato, la madre aveva tutti i pretesti possibili per non vivere la relazione fusionale primaria con il neonato, causando così le cicatrici psichiche ed emotive che poi portano alla relazione codipendente.

Il saggio è inteso come una guida di auto-aiuto per chi vuole prepararsi ad affrontare il proprio modello di dipendenza come preparazione per una qualificata assistenza psichiatrica e psicosociale come secondo passo.

Edizione Kindle 2020

Si veda su Amazon Italia.

Edizione Paperback

Si veda su Amazon Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *